Recensione dei servizi di live streaming diffuse

7 maggio 2019

Gli utenti dei social media leggono meno testi e meno volentieri, mentre i contenuti video stanno diventando sempre più popolari. Dopo che Instagram ha lanciato IGTV e la piattaforma Twitch ha iniziato a sviluppare intensivamente, i community manager e i vlogger hanno iniziato ad usare servizi di gestione Live streaming attivamente.

La maggioranza dei servizi di Live streaming è basata sulla tecnologia broadcasting. Il suo principio è una ricezione simultanea della sequenza video di una singola fonte di contenuti a molteplici utenti. Il broadcasting delle moderne TV funziona altresì sullo stesso principio.

Abbiamo esplorato molti servizi di broadcasting sui social media e concluso che ogni servizio tenta di usare in qualche modo tutto ciò che la televisione tradizionale ha usato. Tuttavia, non funziona attraverso dispositivi addizionali ma attraverso software. Inoltre, mentre i servizi di Live streaming si sviluppano, stanno iniziando a usare funzionalità di interazione con il pubblico insieme al broadcasting tradizionale per aumentare la partecipazione degli spettatori.

Attualmente ci sono molti servizi di broadcasting, inclusi internazionali e orientati ai mercati locali. Discutiamo di un paio dei più popolari.

Prendiamo per esempio BeLive: ha iniziato sfruttando attivamente il mercato europeo ed OBS, ben noto e preferito da chiunque abbia a che fare con streaming.

Impostazioni

BeLive

Puoi accedere all’account di servizio solo tramite Facebook o Twitch. La piattaforma di broadcasting sarà scelta in base a quale sceglierai per il login. Il servizio offre l’opportunità di brandizzare il tuo Live Stream: puoi aggiungere il tuo logo e impostare i colori della compagnia. È molto conveniente aggiungere un link al Livestream nell’annuncio, così che una persona possa seguire il medesimo link per vedere il broadcast.

OBS

Il programma è disponibile per tutti i sistemi operativi (Microsoft, Linux, MacOS). L’interfaccia è multi lingua. Puoi selezionare di adeguarlo automaticamente al sistema dell’utente, o di configurare l’interfaccia manualmente.

Puoi inoltre selezionare di registrare offline o di diffondere e registrare il tuo Live stream allo stesso tempo. Ci sono molti servizi di Live streaming integrati con OBS. E puoi inoltre integrarlo col tuo stesso servizio, poiché il codice di OBS è pubblicamente disponibile.

Per lo streaming su Facebook con OBS usa Facebook LIVE.

Contrariamente a BeLive, la connessione è implementata attraverso il codice di streaming Live che dovrai inserire manualmente nell’apposita casella di impostazioni streaming.

Puoi integrare lo streaming Live con OBS su un sito web usando l’API Facebook LIVE. (https://developers.facebook.com/docs/live-video-api)

Puoi impostare il branding del canale.

Gestione live streaming

BeLive

Ci sono tre opzioni di streaming: Solo, Intervista, e Talk-show. Gli sviluppatori del servizio raccomandano fortemente di usare l’opzione Talk-Show per via della sua maggiore convenienza nel gestire i Live stream.

L’interfaccia è piuttosto semplice da impostare, c’è una funzione per creare annunci di Live stream (il tempo minimo tra l’annuncio e il broadcast è di 11 minuti).

Solo uno speaker è visibile a schermo in modalità Intervista, ma possono essere aggiunti fino a 10 partecipanti in modalità attesa (lobby), e possono essere coinvolti uno ad uno.

La modalità Talk-show permette di coinvolgere fino a 4 partecipanti simultaneamente e fino a 10 ospiti nella Lobby.

C’è una funzione che consente di moderare un Live stream da remoto. Puoi aggiungere uno speaker seguendo un link ospite, e allo stesso tempo gestire annunci (Agende), mostrare domande dalla chat, modificare i partecipanti al broadcast.

Puoi condividere il tuo schermo ma non puoi condividere suoni.

Quando un broadcast è concluso, i commenti delle chat sono salvati, e quando si osserva la registrazione sono disposti in ordine di come sono stati effettuati nel corso dello stream. Da un lato è molto comodo quando guardi una registrazione per la prima volta, poiché puoi vedere l’intera conversazione via chat. D’altro canto, se hai necessità di saltare alcune parti della registrazione per ottenere un particolare pezzo di informazione, dovrai o guardare tutta la trasmissione per ottenere il pezzo che ti interessa, o guardare casualmente attraverso la timeline.

OBS

Le impostazioni di servizio consentono di trasmettere un webinar in modalità Intervista o Talk-show. La qualità dipende dalle impostazioni i di servizio e da quanto abile è l’organizzatore del webinar.

Usando le impostazioni di OBS, puoi creare un Live stream privo di differenze da quello TV. Puoi creare uno studio virtuale, una linea di contorno, o mostrare testo.

Caratteristiche tecniche

BeLive

Puoi effettuare un Live stream sia tramite connessione cablata che Wi-Fi. Per fornire segnale di diffusione ininterrottamente, si raccomanda di avere una velocità di canale di almeno 2 Mb/s.

Il broadcast video è conservato su Facebook, la conservazione è illimitata nel tempo, puoi scaricare un broadcast. Da una parte è un’opzione eccellente, dall’altra, se presenti contenuti educativi con vincoli temporali, hai bisogno di pensare alla protezione dei dati o cercare un altro servizio.

Puoi effettuare il broadcast solo da un PC, ma gli oratori possono unirsi attraverso dispositivi mobili Android o iOS.

OBS

Il problema principale è il buffering dello stream, che può risultare nel blocco dell’immagine. La WIKI fornisce una soluzione (spoiler: dovresti abbassare il bitrate al costo della qualità dell’immagine). Per trasmettere webinar, un bitrate >1000 Kb/s è sufficiente (~10 Mb/m), e nelle impostazioni qualitative dovresti selezionare “Qualità indistinguibile, file di grandi dimensioni”.

Ci sono requisiti specifici per ogni sistema operativo. Tutte le domande che potrebbero sorgere durante il debugging dell’app hanno risposte nella WIKI del sito ufficiale del servizio (https://obsproject.com/wiki/Home).

I video possono essere conservati sul PC dell’organizzatore del webinar e su Facebook.

Particolarità

BeLive

Per lavorare con BeLive, hai bisogno di impostare Google Chrome, chiudere le altre app, e svuotare la cache.

L’iscrizione non è gratuita:

Ma hai un periodo di prova di 14 giorni, e se desideri estendere il periodo di prova o usare BeLive gratuitamente, puoi contattare il servizio di supporto disponibile 24 ore su 24. Gli sviluppatori lasciano intendere che è possibile discuterne. Molto probabilmente faranno tali favori al pubblico solo mentre stanno attivamente promuovendo sé stessi.

OBS

Programma gratuito, il codice originale è pubblicamente disponibile. Ci sono degli asset ufficiali sul sito web di GitHub https://github.com/obsproject/obs-studio/releases.

Conclusioni

È difficile comparare i due differenti prodotti, ma per semplificare la tua scelta facciamo un riepilogo.

BeLive

Pros: Facile da usare, interfaccia user-friendly, supporto 24 ore su 24.

Cons: A pagamento. Il numero di servizi Live Streaming è limitato. Il servizio è solo in inglese.

OBS

Pros: Gratuito. Puoi trasmettere in ogni modo possibile, personalizzare e brandizzare senza limiti, c’è una WIKI, linguaggio d’interfaccia multilingua, supporto 24 ore su 24.

Cons: Dovrai spendere molto tempo nell’esplorare il servizio per impostare il primo stream. Il caso in cui un vantaggio del servizio lo trasforma in uno svantaggio: ci sono troppe possibilità. I novellini potrebbero riscontrare difficoltà.

CONDIVIDERE:
Abbonarsi alla newsletter di Onlypult settimanale