Miti sulla promozione di Facebook a cui crediamo

23 agosto 2018

Dopo che Facebook ha annunciato l’aggiornamento per l’algoritmo di apparizione post, gli specialisti di marketing si sono ritrovati con il problema di catturare nuovamente l’attenzione degli utenti. In questo caso, la disponibilità di promozione fornita da Facebook stesso può salvarti. Ci sono però molte cose che diamo per scontato sulla promozione che possono essere fuorvianti.

Dipaniamo i tre maggiori miti che, se seguite, possono portare ad aspettative frustranti e budget pubblicitario sprecato.

Maggiore è la reach, migliore il risultato

Può sembrare una controversia quando dicono che una minore reach ti porta maggiore successo, ma è vero. Per essere precisi, maggiore reach funziona se il tuo scopo è mostrare la pubblicità a uno specifico gruppo di utenti senza alcun interesse o preferenza particolare. In questo caso, massimizzare la reach è esattamente ciò di cui hai bisogno ma, se non sei interessato ad attirare qualunque tipo di utenza, questo approccio ti farà soltanto buttare soldi.

La chiave del tuo successo è ridurre l’utenza in modo tale che tu possa adeguare il target della pubblicità il più possibile e far sì che abbia meno competizione quando gli utenti la vedono.

💡 Definisci il target della tua pubblicità secondo gli interessi del tuo pubblico Conosci i tuoi client e non fare ricerche alla cieca. Per esempio, se possiedi uno studio di fitness, i tuoi clienti potrebbero essere interessati in cibo salutare e jogging mattutino. Comprendi il loro range di interessi e soprattutto trova quelli che condividono i tuoi interessi meglio di chiunque altro.

💡 Seleziona coloro prossimi a te Non c’è bisogno di pubblicizzare il tuo prodotto in tutto il mondo, inizia con quelli che sono anzitutto vicini a te. Primo, perché sono quelli maggiormente interessati alla tua attività più di chiunque altro. Secondo, perché non dovrai spendere molti soldi nella consegna. Terzo, perché questi stessi client potrebbero formare la tua utenza attraverso altri canali (ad esempio cartelloni stradali), e le persone si fidano delle cose che conoscono.

Maggiore è il budget, meglio funziona la pubblicità

Se più reach non ti ha portato successo, i soldi funzioneranno sicuramente, giusto? Assolutamente no.

La quantità di denaro che hai investito nella pubblicità non gioca alcun ruolo se il tuo contenuto non è interessante per gli utenti. Questo è il motivo per cui investire in promozione ha senso solo quando i tuoi follower interagiscono già con i tuoi post – garantirà che le impression sponsorizzate non siano sprecate.

💡 Focus sui contenuti I clienti non vogliono sapere quanti soldi hai speso sui tuoi post pubblicitari per farli arrivare a loro se i tuoi attuali follower non mettono like e commenti nei tuoi post; la pubblicità non migliorerà la situazione. Investi anzitutto in contenuti di alta qualità, dopodiché in pubblicità.

💡 Monitora le statistiche Non appena inizi a monitorare le statistiche attraverso campagne pubblicitarie ti risulterà chiaro cosa funziona davvero e cosa no. Senza di esse, non sarai in grado di creare contenuti interessanti. Verifica le statistiche e mantieni occhi e orecchie aperte per fare modifiche rapide quando necessario.

Devi promuovere ogni post

Prima di premere il pulsante Promuovi, dovresti capire chiaramente chi è interessato al post e perché, e anche qual è lo scopo del tuo business. Vuoi che la pagina ottenga più like? Vuoi vendere i tuoi nuovi prodotti? O vuoi ottenere maggiore traffico?

Se conosci con certezza lo scopo della pubblicità, capirai come interpretare le statistiche sui risultati delle campagne pubblicitarie e come definire il post. Spendi del tempo su una CTA appropriata: ti risparmierà soldi e tempo.

💡 Promuovi i post che hanno già portato risultati Non promuovere post che non sono interessanti per la tua utenza esistente. Come abbiamo già menzionato, i soldi non renderanno le cose migliori.

💡 Attendi Prima di iniziare a promuovere un post, attendi un po’ per trarre conclusion su quanto è popolare il post e cambia qualcosa se necessario.

CONDIVIDERE:
Abbonarsi alla newsletter di Onlypult settimanale